Cosa fare per

Acquisti di alimenti on line: 14 consigli preziosi

Leggi “l’etichetta” anche sul web

A differenza di quando siamo al supermercato non potremo leggere tutte le utili informazioni presenti in etichetta. Ad esempio, è molto difficile trovare la lista degli ingredienti del prodotto. Fai attenzione che le descrizioni siano realmente informative e non semplici slogan pubblicitari.

Diritto di recesso, ma non sempre

Secondo il nuovo Codice del Consumo hai 14 giorni dalla consegna per ripensarci e restituire il prodotto. Ma ricorda che ci sono delle eccezioni: ad esempio per i beni che rischiano di deteriorarsi o scadere rapidamente o per le bevande alcoliche. Verifica sempre le possibili esclusioni che siano chiaramente presenti sul sito.

Se il testo della proposta di acquisto è sgrammaticato, lascia subito perdere

È il primo segnale della truffa che si intende perpetrare. Di sicuro – anche se c’è un logo o un marchio – non si tratta di un messaggio originale.

Se c’è un nome nella proposta di acquisto, inseriscilo subito in un motore di ricerca

Se è già stato autore di una truffa in qualche blog qualcuno lo avrà segnalato. E non fidarti neppure se c’è un codice fiscale: usare quello di qualcun altro è facilissimo. Chissà magari qualcuno in questo momento sta usando il tuo.

Non fidarti dei siti con messaggistica interna e soprattutto non usarla.

È preferibile inviare un’e-mail usando indirizzi personali. Questo perché nelle proprietà delle e-mail c’è un IP, quindi la registrazione presso un provider al quale poter risalire. Inoltre, sappi che esistono dei programmi associati alla tastiera della messaggistica interna fatti ad hoc per rubare le informazioni che vengono immesse e utilizzarli in modo illecito.

Non fidarti dei siti che pubblicano solo numeri di cellulari.

Ci deve sempre essere un numero fisso di riferimento. Almeno, in caso di problemi, l’utente del telefono fisso può essere rintracciato, quello del portatile no.

Attenti ai prezzi fuori mercato: si tratta quasi sempre di truffe.

Credendo di fare un affare pagherete molto di più con un pretesto o con l’altro. O, semplicemente, non riceverete mai nulla.

Diffidate di chi ha fretta di concludere l’affare

Può nascondere qualcosa di losco.

Diffidate dei feedback, positivi o negativi.

Sappiatene valutare i contenuti perché esiste la truffa delle recensioni a pagamento.

Controllate se sul sito prima del www c’è la sigla https.

Vuol dire che viene usato un metodo di sicurezza che cripta i dati, quindi tutto ciò che vi scriverete sarà protetto. Un sito così è dà più sicurezza.

Attenzione agli acquisti all’estero

Con la scusa che i sistemi fiscali e di compravendita sono differenti, potreste dover pagare degli extra. Oppure non ricevere mai la merce acquistata.

Attenti anche alla città di vendita

Se non corrisponde alla vostra, fate subito notare la vostra disponibilità a recarvi di persona e vedete se il venditore prova a tirarsi indietro o a creare problemi. Potete così capire se la merce in vendita esiste veramente o se si tratta di una truffa.

Sul sito deve esserci la Policy

Ovvero la descrizione delle garanzie per i clienti, le modalità di vendita, ecc.

Per i pagamenti online usate sempre o una carta ricaricabile

E ricaricatela di volta in volta solo della cifra che vi occorre. In alternativa utilizzate il sistema Pay Pal (ha una garanzia per il compratore). Funziona così: il compratore dà il denaro al garante il quale informa il venditore dell’avvenuto pagamento in modo che questi spedisca la merce. Tiene congelato il pagamento finché l’acquirente non riceve il bene acquistato e lo controlla. Quando l’acquirente verifica il bene, allora dà l’ok al garante che “scongela” il denaro e provvede al pagamento del venditore. In questo modo sia acquirente che venditore sono garantiti.

Previous post

Ryanair denuncia eDreams e Google: "Utenti ingannati"

Next post

Acquisti di alimenti on line: la guida

The Author

Daniela Molina

Daniela Molina