News

Ecco le mail delle pressioni di Coca-cola per sviare media e scienziati

Lo scandalo Coca-cola si accende di nuove rivelazioni negli Usa. Dopo le accuse alla Global Energy Balance Network, un gruppo no-profit di scienziati che esortava la gente a concentrarsi maggiormente su attività fisica senza preoccuparsi troppo di ciò che mangia e beve che ha costretto la University of Colorado School of Medicine a restituire 1 milione di dollari ricevuti dalla multinazionale, ora nuove prove dimostrano l’influenza diretta che Coca-Cola ha esercitava nei confronti della presunta organizzazione anti-obesità.

L’Associated Press ha scoperto una serie di e-mail tra il presidente di GEBN – un professore della Colorado  – e il capo della sezione scienza e salute  della Coca-Cola che dimostrano l’intenzione della società di rimuovere qualunque legame tra obesità e Coca-Cola.

In particolare l’AP ha raccolto:

• Una mail di ottobre 2012  si riferisce alla donazione in arrivo da Coca-Cola come un “pacchetto di stimolo” e chiarisce al futuro presidente di GEBN che la collaborazione con l’industria è “non negoziabile”.

• Il mese successivo, Coca-Cola scrive di fornire ai ricercatori spunti di discussione su uno studio finanziato dalla stessa azienda . L’azienda offre anche una formazione in comunicazione perché i ricercatori siano “più camera-friendly”.

• Nel mese di luglio 2014, la Coca-Cola  paragona l’obiettivo del GEBN a “una campagna politica, si svilupperà implementando  una strategia potente e multiforme per contrastare le organizzazioni radicali e i loro sostenitori.”

La speranza era di fare di GEBN “il luogo in cui gli operatori dei media potessero chiedere  un commento su qualsiasi problema dell’obesità.”

• Nel novembre 2014, il presidente GEBN dimostra chiaramente il suo sostegno per il suo sponsor aziendale. “Non è giusto che la Coca-Cola sia identificata come il responsabile n° 1 al mondo dell’obesità, ma così è e questo è il vostro  problema, che vi piaccia o no”, scrive in una e-mail ottenuta da AP. E aggiunge: “Voglio aiutare la vostra azienda ad evitare l’di essere percepita come un problema nella vita delle persone e tornare a essere una società che vende prodotti importanti e divertenti .”

Il CEO di Coca-Cola, Muhtar Kent, ha provato a scrollarsi di dosso il nuovo scandalo commentando che “è diventato chiaro a noi che non c’era un sufficiente livello di trasparenza per  il coinvolgimento della società con il Global Energy Balance Network”.

Previous post

Dieselgate, anche Renault Espace sotto accusa

Next post

Riso di plastica: nuovo allarme dalla Cina

The Author

Roberto Quintavalle

Roberto Quintavalle