News

Farmaci, la Novartis multata in Usa per tangenti ai medici

Una multa pesante, ma non quanto l’accusa chiedeva, è stata inflitta al colosso farmaceutico Novartis negli Stati Uniti: la sanzione, di 390 milioni di dollari, è stata comminata per aver pagato tangenti e offerto “benefit” (ad esempio lussuose cene) ai medici per convincerli a prescrivere le medicine del suo marchio anziché quelle della concorrenza.

Dall’indagine Usa è emerso che le tangenti erano giustificate come “onorari” per i medici nell’ambito della partecipazione a programmi educativi; in realtà, si è visto, i programmi erano meri pretesti per offrire gli incentivi illeciti.

Sembra, inoltre, che la Novartis, già dal 2005 si sarebbe resa protagonista di condotte scorrette versando o promettendo somme di denaro (celate dietro “ristorni” e “ribassi”) ai farmacisti per indurli a vendere il Myfortic, un farmaco utile a contrastare il rigetto nei casi di trapianto di rene (la Novartis avrebbe ad esempio riconosciuto al medico una percentuale – dal 5% in su – del profitto ottenuto dalle maggiori vendite procurate dal medico stesso).

Un sistema di concorrenza sleale infine smantellato dall’indagine Usa che ha posto fine agli illeciti guadagni della multinazionale.

Previous post

Come funziona il decreto salva-banche

Next post

Novartis: "chi è" il colosso farmaceutico nell'occhio del ciclone

The Author

carla tropia

carla tropia