News

La truffa dell’olio: i big provano ad annacquare la legge

Ci risiamo. Di fronte allo scandalo ancora una volta alcuni tra i big dell’olio provano a mettere in dubbio la legge. Era già successo a giugno, con la replica di Federolio ora tocca a Giovanni Zucchi, presidente di Assitol, spiegare dalle colonne della Stampa che “da più anni ci si è+ cominciati a interrogare sulla validità del panel test” per qualificare un olio come extravergine.

Facciamo chiarezza, il panel test, ossia la prova di assaggio è tutt’altro che un test soggettivo. A dirlo non siamo noi. È la legge. E a ribadirne l’importanza sono in molti.

Caselli: “il panel test non si tocca”

Lo ha fatto per il Test, per esempio, Gian Carlo Caselli, presidente del Comitato scientifico dell’Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare, che a noi ha detto: “Il riconoscimento, a tale diagnosi, di valore di test legale, in combinazione con le analisi di laboratorio, risulta necessario, perché, se è vero che al di là delle indagini chimico-fisiche, merceologico-legali cui vengono sottoposti i prodotti alimentari, il giudizio finale è comunque quello organolettico, è necessario disporre di metodi di analisi che possano avere anche valore legale in sede di eventuale contenzioso. L’inchiesta, quindi, pubblicata dalla vostra rivista conferma la valenza dello strumento, superando anche le molteplici contestazioni, più volte mosse dal mondo industriale che, nel tempo, ha cercato di limitarne o vanificarne gli effetti e gli esiti”.

Grimelli: “il gusto è soggettivo, il panel no”

Che non si tratti di un test soggettivo lo ribadisce anche Alberto Grimelli, giornalista, agronomo e direttore di Teatronaturale.it, la più autorevole rivista sul mondo dell’olio. Per il Test Grimelli aveva scritto un prezioso intervento in cui spiegava: “Il gusto è soggettivo. Il panel test per l’olio extra vergine d’oliva no, quando condotto con rigore scientifico, secondo quanto stabilito dal regolamento comunitario 1348/2013.
I sensi dell’uomo possono essere uno strumento d’analisi molto sofisticato. Tutti i recettori che  abbiamo nel naso e nel palato possono, mediati dal cervello, darci una risposta semplice, tipo mi  piace o non mi piace, ma anche, dopo un addestramento specifico, restituire informazioni molto  precise e particolareggiate. La differenza la fa la preparazione. Non si diventa assaggiatori di olio di  oliva in un giorno. Occorre superare delle prove e fare esercizio per lungo tempo”.

 

Una prova indispensabile

Sempre Grimelli concludeva: “La prova che la valutazione organolettica è indispensabile viene fornita proprio dalla scienza. Sono  molti gli studi, con nasi elettronici o altri sistemi, che cercano di replicare i sensi umani. Con  risultati incoraggianti ma ancora lontani dalla complessità e dall’accuratezza del nostro olfatto e del  nostro gusto. Milioni di anni di evoluzione ci hanno resi strumenti perfetti nello scoprire difetti  organolettici. Nell’olio vi  possono essere difetti legati alla materia prima di partenza, le olive. Olive marce possono originare il difetto di muffa. Olive in fermentazione danno quelli di avvinato o  riscaldo. Il difetto viene trasmesso dalle olive all’olio. Tempo, luce, calore, ossigeno degradano  l’olio, dando origine al difetto di rancido. Oggi non esiste alcuna analisi chimico-fisica in grado di scongiurare la presenza di difetti organolettici. L’unico modo per avere sulle nostre tavole un extra  vergine perfetto, un vero succo di oliva, è il panel test, che però deve essere condotto con attenzione  e rigore scientifico, seguendo regole ben precise che facciano realmente dei nostri sensi lo  strumento d’analisi ideale”.

Previous post

Procreazione assistita, Consulta: non è reato selezionare embrioni malati

Next post

Falso olio extravergine, le associazioni chiedono sanzioni e più controlli

The Author

Riccardo Quintili

Riccardo Quintili