News

Le 10 cose da sapere se la banca fallisce

Dal primo gennaio 2016 entra in vigore in tutta Europa la direttiva “Bank recovery and resolution” che introduce regole nuove per gestire le crisi bancarie. La rivoluzione è copernicana perchè non saranno più possibili salvataggi pubblici: dal Bail-out, ovvero dal metodo di “salvare l’istituto intervenendo dall’esterno” – con aiuti di Stato o nazionalizzazioni come è avvenuto in questi anni –  si passa al Bail-in ovvero la banca in diffocoltà dovrà “salvarsi con gli strumenti (interni) a disposizione”. In caso di crack pagheranno azionisti, obbligazionisti (chi ha sottoscritto bond non garantiti) e i correntisti ma solo per la parte eccedente i 100mila euro. Ecco le 10 principali domande e le relative risposte.

1- Che significa Bail-in?

In caso di dissesto la banca non potrà più contare sugli aiuti di Stato e quindi dal primo gennaio 2016 dovrà provvedere con mezzi propri risanare la situazione, in prima battuta vendendo le proprie attività. Se non sarà sufficiente dovrà chiamare in causa azionisti, obbligazionisti e correntisti.

2-Esiste una gradutatoria del rischio?

I primi ad essere chiamati a contribuire saranno gli azionisti (le azioni sono partecipazioni al capitale dell’impresa); poi i possessori di obbligazioni bancarie non garantite; infine, se non dovesse bastare, i proprietari dei depositi ma solo per la parte che supera i 100mila euro.

3- Chi rischia di più?

A nostro giudizio gli obbligazionisti non “coperti”, ovvero i sottoscrittori di bond bancari non assistiti da garanzia: in Italia nel portafogli dei risparmiatori ci sono titoli di questo tipo per un ammontare di 270 miliardi. Non pochi. Quanti sottoscrittori sono a conoscenza del nuovo rischio che corrono in caso di Bail-in? E in caso di nuova sottoscrizione, quali informazioni verranno date allo sportello?

(continua a leggere sotto l’infografica)

CINOballInRobberBarons

4- Cos’è  una covered bond?

È un’obbligazione che, in caso di fallimento della banca, rappresenta un credito privilegiato e assistito da una serie di coperture che l’emittente deve prevedere e accantonare proprio per “coprirla” dal rischio fallimento. A fronte di più garanzie, il rendimento è più basso.

5- Come si riconosce una covered bond?

Nel prospetto informativo o nel regolamento di emissione deve essere indicato che l’obbligazione è “covered”. La normativa di riferimento che ha introdotto in Italia queste obbligazioni è l’articolo 7 bis della legge 30 aprile 1999, n. 130 introdotta dal decreto sulla competitività del maggio 2005.

6- Ma tutti i correntisti vengono chiamati a salvare la banca?

No. La normativa esclude i depositi fino a 100mila euro, i cover bond e, tra l’altro, il contenuto nelle cassette di sicurezza.

7- I depositi fino a che cifra sono garantiti?

Fino a 100mila euro dal Fondo interbancario di tutela dei depositi in attesa che ne venga costituito uno per l’Eurozona come chiede la Bce di Mario Draghi. Fino al maggio 2011 la cifra “coperta” era più alta:  103.291,38 euro.

8- E se ho più conti nello stesso istituto? 

La garanzia è per depositante e per banca, indipendentemente dal numero di conti aperti presso uno stesso istituto: fino a 100mila euro per la stessa persona indipendentemente dal numero dei conti.

9- Cosa rientra nella garanzia del Fondo?

I soldi contenuti in conti correnti, depositi (anche vincolati), assegni circolari, certificati di deposito nominativi.

10- In caso di liquidazione della banca cosa devo fare?

Il Fitd subentra nei diritti dei depositanti e si occupa di contattare e rimborsare direttamente ogni correntista.

 

Previous post

Conigli, allevamenti ultraintensivi e crudeli. La denuncia della Lav

Next post

"Le bufale di Garattini". Omeopati contro il farmacologo

The Author

enrico cinotti

enrico cinotti