genitori&figli

6 cose da sapere per scegliere le salviette per il bebè

Come valutare una salviettina prima di metterla nel carrello? Nel numero di novembre in edicola abbiamo testato 12 prodotti tra quelli più venduti sul mercato – da Pampers a Huggies, passando per Mustela, Fissan Fria e Chicco – bocciando quelle salviettine che invece di pulire e proteggere la pelle dei neonati, contengono sostanze sospette e “rischiose”. Quali sono? Ecco i sei principali ingredienti che mamme e papà dovrebbero cercare in etichetta per acquistare la migliore salvietta da acquistare.

CESSORI DI FORMALDEIDE

La formaldeide è un potente battericida, ma anche una sostanza irritante e potenzialmente cancerogena. Perciò sorprende non poco la presenza di un conservante potenziale cessore di formaldeide come l’Imidazolidin urea.

PROFUMI

Le mamme gradiscono molto il profumo di pulito sul sederino dei propri bambini: i profumi possono però provocare pericolose allergie. Meglio evitare.

PARABENI

Sono conservanti fortemente sospettati di interferire con il sistema endocrino e quindi con la fertilità.

SILICONI

Hanno la capacità di rendere liscio al tatto il sederino dei bambini. In realtà creano una patina artificiale, composta da molecole molto diverse dal normale strato lipidico della pelle.

ALTRI INGREDIENTI INDESIDERATI

Innanzitutto il fenossietanolo, un conservante potenziale disturbatore endocrino. I Polietilenglicoli (Peg) utilizzati come emulsionanti costituiscono invece un problema se uniti a sostanze irritanti o tossiche, dato che rendono più permeabile la pelle. Convince poco anche l’abbinamento tra sodio benzoato e acido citrico: insieme potrebbero formare benzene, un cancerogeno se ingerito ma non certo innocuo sulla pelle. Nelle salviettine testate abbiamo rinvenuto anche alcuni conservanti potenzialmente allergizzanti (l’acido benzoico e il metilisotiazolinone) e un regolatore di pH potenzialmente allergizzante (la trietanolammina) e alcuni “chelanti” (riconoscibili dalla sigla Edta), sostanze scarsamente biodegradabili e accusate di determinare una diminuzione di flora e fauna marine.

EMOLLIENTI NATURALI

La presenza di aloe, camomilla, olio di mandorle e altri ingredienti naturali dal potere emolliente è indice di qualità: per questa ragione, nel nostro test, abbiamo premiato i prodotti che ne contengono in abbondanza.

[su_divider text=”Continua in edicola” style=”dotted” divider_color=”#d3cfcf”]

[su_column][/su_column]

 

Abbiamo testato 12 salviettine detergenti per neonati.
I risultati su il Test di novembre in edicola e in digitale

 

[su_button url=”http://www.testmagazine.it/test-rivista-novembre-2015/” background=”#a39f9f” size=”7″]SOMMARIO[/su_button]       [su_button url=”http://sfogliatore.testmagazine.it” target=”blank” background=”#ec0e0e” size=”7″]ACQUISTA[/su_button]

 

[su_divider text=” ” style=”dotted” divider_color=”#d3cfcf”]

L’Infografica

infografica-test

 

Previous post

Antitrust: servono regole per Uber & Co.

Next post

Uber, Dona (Unc): inserire norme nel ddl concorrenza

The Author

Linda Grilli

Linda Grilli