genitori&figli

Dentini, una crosta di parmigiano per lenire il dolore

Manine sempre più spesso in bocca. Pianti improvvisi. Inappetenza e magari un po’ di popò in più del normale. Sì i segnali ci sono tutti: possono essere i dentini! Quando spuntano i primi incisivi il nostro piccolo comincia a fare i conti con il dolore alle gengive e molto spesso la reazione di mamma e papà non è così pronta. Ci sono tanti rimedi “artificiali” per lenire il dolore – dai ciucciotti per “calmare” le gengive ai succhiotti “rinfrescanti” per trasmettere sollievo alla bocca – ci sono anche i vecchi metodi della nonna. Tra questi si può usare una bella crosta di parmigiano grande abbastanza da poter essere afferrata con le manine e grossa abbastanza da non essere ingerita. Dopo averla lavata provate a darla al bebé: è utilissima per dare sollievo alle gengive e magari ad abituare il nostro piccolo a un nuovo sapore.

L’igiene orale

Se i dentini sono un primo scoglio impegnativo da superare, alla cura dei denti e all’igiene orale ci si deve badare fin da subito. Verso i due anni si può cominciare a insegnare al bambino a sciacquarsi la bocca dopo mangiato e a prendere confidenza con lo spazzolino. Solo verso i tre anni che in genere si comincia a usare il dentifricio. Il problema in questo caso è rappresentanto soprattutto dal fluoro: previene la carie e rinforza lo smalto ma in eccesso può indebolire le ossa. Per questo i dentisti e i pediatri sconsigliano l’uso del dentifricio sotto i 3 anni e per i dentifrici con una concentrazione tra 1.000 e 1.500 ppm, è d’obbligo la dicitura: “Bambini fino a 6 anni: utilizzare una piccola quantità di dentifricio sotto la supervisione di un adulto per ridurre al minimo l’ingerimento. In caso di assunzione di fluoruro da altre fonti consultare il dentista o il medico”. Controllate quindi sempre bene se il prodotto che state acquistando è idoneo all’età di vostro figlio.

La prima visita dal dentista

La prima visita di controllo si fa in genere intorno ai 4 anni e comunque prima che vada alla primaria. Rotto il ghiaccio, è bene far controllare i denti una volta l’anno per evitare la formazione della carie. Per capire il livello di rischio, si effettua un semplice test della saliva: viene analizzata per verificare se è capace di neutralizzare gli acidi prodotti dalla placca batterica e quindi di prevenire la carie. Dal responso del test in genere seguono conseguenze non sempre gradite: meno dolci, via le caramelle, più pulizia orale. Al di là dell’ironia, bisogna fare attenzione ai denti da latte e non trascurare l’insidia carie perchè “tanto cadono”. I denti da latte preparano il terreno a quelli definitivi e se sono sani e crescono dritti garantiscono una dentatura migliore da adulti.

Previous post

Il segreto per combattere la tosse? Il miele

Next post

RadioLibri, la prima web radio per chi ama la lettura

The Author

Anna Gabriela Pulce

Anna Gabriela Pulce