News

Non è più obbligatorio esporre il tagliando Rc-auto

La data fatidica è arrivata. Da oggi, 18 ottobre, entra in vigore il provvedimento della “dematerializzazione dei contrassegni assicurativi RcAuto”. In pratica, non è più obbligatorio esporre sul parabrezza dell’auto il contrassegno cartaceo dell’assicurazione Rc-auto.

Il tagliandino che tutti conosciamo sarà infatti sostituito con sistemi elettronici o telematici.

Con questa novità, il ministero dello Sviluppo economico si è posto due obiettivi: da un lato, quello di ridurre le frodi, contrastando la contraffazione dei contrassegni cartacei; dall’altro, quello di impedire l’evasione dell’obbligo assicurativo, tramite la sostituzione dei contrassegni attuali con controlli incrociati telematici tra le banche dati delle targhe dei veicoli e quelle delle polizze assicurative.

Con la dematerializzazione del tagliando Rc-auto, quindi, cambia anche il rapporto tra l’assicurato e le compagnie di assicurazione, con maggiore trasparenza a beneficio dell’intero sistema. Lo stop alle false assicurazioni potrà tradursi, si spera, in una diminuzione dei costi delle polizze e, dunque, in un vantaggio per gli automobilisti.

I controlli su strada saranno “informatici”: in sostanza, gli agenti che fermano un veicolo per un controllo potranno consultare la banca dati Sita della Motorizzazione. Se l’auto dovesse risultare priva di copertura assicurativa, il conducente potrà dimostrare il contrario, ovvero di essere in regola, mostrando il certificato di assicurazione (che resta obbligatorio tenere a bordo).

Sul sito www.ilportaledell’automobilista.it è possibile verificare la presenza di copertura assicurativa sul veicolo. Nel caso in cui il consumatore che ha regolarmente corrisposto il premio verifichi dalla consultazione del portale che il proprio veicolo non risulta assicurato potrà tempestivamente segnalare la circostanza alla propria compagnia assicurativa ed, eventualmente, presentare reclamo all’Ivass.

Inoltre, in caso di sinistro, informazioni di dettaglio sulla copertura assicurativa della controparte potranno essere richieste al Centro di Informazione Italiano istituito presso la CONSAP (www.consap.it/fondi-e-attivita/mondo-assicurativo/centro-di-informazione-italiano).

 

ANCHE IL CERTIFICATO DI PROPRIETÀ È VIRTUALE

Un’altra novità per gli automobilisti, in vigore già da qualche giorno (precisamente dal 5 ottobre), è la dematerializzazione dei certificati di proprietà, che quindi non sono più rilasciati dal Pra, il Pubblico registro automobilistico. Fanno fede adesso i documenti virtuali presenti nella sua banca dati e consultabili via web. Il vantaggio è sia quello di rendere impossibile falsificare il certificato cartaceo, sia quello di evitare che si smarrisca.

Previous post

Vaccini, quei ritiri dal mercato di cui nessuno parla

Next post

L'Aifa vieta l'utilizzo di un lotto di "Sodio Cloruro" di B.Braun Milano

The Author

carla tropia

carla tropia