News

Uber incassa una vittoria a Londra: l’App non è illegale

Uber 1 – black cab inglesi 0. Mentre in Italia è ancora tutta da giocare la partita che vede contrapposte l’applicazione che noleggia auto e i tassisti, a Londra l’Alta corte ha legalizzato la App stabilendo che lo smartphone non è un tassametro. Secondo il giudice, il perimetro legale del Private Hire Vehicles Act del 1998 non include come tassametro uno strumento che riceve segnali gps nel corso del viaggio, e manda dati gps a un server che è presente esternamente al veicolo e che con questa modalità conteggia il pagamento in base ai km percorsi e al tempo impiegato. Non si configura quindi nessuna violazione di regole, secondo il verdetto della corte, se si stabilisce che lo smartphone non è un tassametro.

La disputa legale era stata aperta dalla London’s transport agency su sollecitazione dei tassisti la cui associazione (La Ltda) ha definito “incredibile” la sentenza.

Previous post

Calabria, maxi sequestro di traversine tossiche

Next post

Vaccini, quei ritiri dal mercato di cui nessuno parla

The Author

Valentina Corvino

Valentina Corvino