News

Etichettatura miele, si cambia

Il polline deve essere considerato come una componente naturale specifica del miele e non un «ingrediente» nel senso previsto dal regolamento in materia di etichettatura n. 1169/2011, ossia una sostanza utilizzata nella fabbricazione o nella preparazione di un alimento e ancora presente nel prodotto finito. E’ quanto prevede il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/63/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 15 maggio 2014 che modifica la direttiva 2001/110/CE del Consiglio concernente il miele.

In conseguenza di ciò cambia anche la quantità di Ogm ammessa che si innalza. Come spiega la Coldiretti: “Un conto è calcolare il residuo dello 0,9% sull’ingrediente. Un’altra cosa è valutarlo sull’intero prodotto. Ad esempio, in un vasetto di miele da 1 kg che contiene in totale un grammo di polline l’obbligo di etichettatura si applica solo con la presenza di ben 9 grammi di polline transgenico e, quindi ciò non avverrebbe praticamente mai anche se tutto il polline fosse transgenico”.

Previous post

Contante, Renzi alza la soglia, in Francia si abbassa

Next post

L'amministratore di condominio, chi è e cosa fa

The Author

Valentina Corvino

Valentina Corvino