News

Bambini al lavoro nei campi Nestlé: l’inchiesta choc

I bambini di età inferiore a 15 anni continuano a lavorare nelle fattorie di cacao collegate a Nestlé, più di un decennio dopo che l’azienda alimentare ha promesso di porre fine all’utilizzo di lavoro minorile nella sua catena di fornitura.

Inizia così lo sconvolgente reportage pubblicato oggi da sul blog del Guardian. Un pezzo che già dal titolo “Child labour on Nestlé farm” (i bambini lavorano nelle fabbriche Nestlé)  sta mettendo in gravissimo imbarazzo la multinazionale svizzera. Uno scandalo di cui in Italia ancora non si parla.

 

IL RAPPORTO CHOC

I fatti. Un nuovo rapporto della Fair Labor Association (FLA), commissionato proprio da Nestlé, ha portato i ricercatori a visitare 260 aziende agricole utilizzate dalla società in Costa d’Avorio, da settembre a dicembre 2014. I ricercatori hanno scoperto 56 lavoratori di età inferiore ai 18 anni, di cui 27 erano sotto 15.
In fattoria nel quartiere Divo del paese, la FLA ha trovato prove di lavoro forzato, con un giovane operaio che non riceveva  stipendio nonostante un anno di lavoro in una fattoria.La ricerca, come detto, è stata commissionata proprio da Nestlé per indagare i diritti dei lavoratori sulle sue aziende agricole dell’Africa occidentale nel 2013, in un periodo di forti pressioni internazionali, ma a distanza di molti anni ha trovato i bambini lavoratori nel 7% delle aziende visitate. Eppure il codice di condotta Nestlé vieterebbe l’uso di lavoro minorile nella propria catena di fornitura.
Va detto che i ricercatori hanno testimoniato i notevoli sforzi fatti dalla multinazionale per informare gli agricoltori sul suo codice di condotta, ma la consapevolezza -rivela l’inchiest-  era bassa tra gli agricoltori, a volte neppure in grado di partecipare a sessioni di formazione a causa di  “mancanza di interesse o di tempo”. FLA ha anche scoperto che nelle aziende agricole mancava qualsiasi tipo di sistema di verifica dell’età dei lavoratori.

SENZA SCUOLA, MA COL MACHETE NEI CAMPI

Un totale di 24 bambini sono stati trovati al lavoro in aziende come “lavoratori di famiglia”, impossibilitati a frequentare la scuola. Nelle aziende che impiegano i bambini sono stati tenuti a lavorare in condizioni pericolose e svolgere compiti pericolosi, tra cui l’uso machete e trasporto di carichi pesanti.
Le accuse di violazioni dei diritti del lavoro minorile e di lavoratori hanno perseguitato Nestlé per anni. Nel 2001 Nestlé ha firmato il protocollo Harkin-Engel, un accordo volontario da parte dei membri del settore del cacao e dei politici che impegnava ad adoperarsi per porre fine alle peggiori forme di lavoro minorile.

LA FOGLIA DI FICO DELL’AZIONE VOLONTARIA

Durissimo il commento dell’avvocato per i diritti umani Terry Collingsworth, al Guardian: “Questo rapporto, e altri prima di questo, mostrano che permettere alle aziende di agire ‘volontariamente’ per ripulire la loro filiera non è, e non lo sarà mai, la soluzione. Ci sono un sacco di opzioni che funzionerebbero, compreso il controllo rigoroso da parte di un organismo indipendente che ha il potere di adottare misure correttive “, ha detto.Nestlé ha più volte ribadito il suo impegno per lotta al lavoro minorile nella sua catena di approvvigionamento, e ha già preso provvedimenti per affrontare le questioni sollevate nella relazione FLA. Queste azioni includono l’aumento dell’accesso all’istruzione, il rafforzamento dei sistemi di verifica dell’età nelle aziende e incremento della consapevolezza del proprio codice di condotta della società.NESTLÈ: “ECCO COSA STIAMO FACENDO”Un portavoce di Nestlé ha detto al Guardian: “Fino ad oggi abbiamo individuato 3.933 bambini che lavorano nelle loro aziende familiari (circa il 10% dei bambini intervistati) che sono stati coinvolti in attività pericolose classificate come  lavoro minorile. Abbiamo incluso la metà di loro nella nostro programma di monitoraggio Lavoro e bonifica del sistema, che tra l’altro fornisce kit scolastici e abbiamo facilitato attività generatrici di reddito per le famiglie di 312 bambini identificati. Purtroppo, la portata e la complessità del problema è tale che nessuna società di sourcing cacao dalla Costa d’Avorio può garantire di aver completamente rimosso il rischio di lavoro minorile dalla catena di fornitura. “

Previous post

Scatole della pizza: ora spunta il rischio Pfc

Next post

Rapporto Coop, un popolo di sportivi, internauti e evasori

The Author

Riccardo Quintili

Riccardo Quintili