News

Altro che nere: le olive “colorate”

Chi compra olive nere pensa di solito che queste siano “naturalmente” nere. Spesso però, purtroppo, alcuni produttori sottopongono a colorazione artificiale le olive verdi, non completamente mature.

Nei giorni scorsi il Centro Tutela Consumatori Utenti (CTCU) ha provveduto a controllare 15 confezioni di olive nere, in vari piccoli e grandi supermercati, in negozi discount e in alcuni negozi biologici del capoluogo. Sulle confezioni risultava sempre l’indicazione “olive nere”, ma in 12 delle 15 confezioni esaminate è stato riscontrata la presenza dello stabilizzatore “gluconato ferroso”, noto anche come “E579”. Sulle confezioni manca l’indicazione che si tratta di olive verdi sottoposte a colorazione artificiale e non di olive nere mature. Ai consumatori non viene pertanto detta la verità. Dei campioni di olive risultate non colorate, due erano prodotti biologici.

“L’etichetta dovrebbe spiegare chiaramente se si tratta di vere olive nere oppure di olive verdi, colorate di nero”, questa la richiesta del Direttore del CTCU Walther Andreaus. “Altrimenti il consumatore viene ingannato riguardo il contentuto della confezione”.

VERDI O NERE?

Le olive verdi contengono più sostanze minerali e più acqua. Per questo motivo contengono soltanto 130 calorie ogni 100 grammi. Sono più consistenti, e il loro sapore va dall’amaro al piccante. Le olive nere invece maturano più a lungo, e contengono più (preziosi) acidi grassi mono-insaturi. Questo comporta un loro elevato apporto calorico, pari a 350 calorie per ogni 100 grammi di prodotto. Il loro sapore è più dolce e leggero. L’olio viene ottenuto da olive mature: con l’aumentare del grado di maturità aumenta anche la “dolcezza” dell’olio.

NERO INGANNEVOLE

Il processo della colorazione non incrementa né il sapore, né la longevità delle olive. Di norma le olive vengono annerite poiché le olive mature nere sono troppo morbide per uno snocciolamento industriale. Anche la raccolta e il trasporto delle olive nere mature è nettamente più dispendioso e caratterizzato da perdite rispetto a quello dei frutti verdi non maturi.

Previous post

Autismo: "Ecco le fregature di una legge che non serviva"

Next post

Gli errori estivi sulle tavole dei bambini

The Author

Roberto Quintavalle

Roberto Quintavalle