Cosa fare per

Estate, le occasioni per chi rimane in città

Non per tutti estate fa rima con vacanza. Secondo una recente indagine di Groupon, il 48% degli italiani intervistati trascorrerà buona parte dell’estate in città, mentre il 27% vi resterà per tutto il periodo. Per la maggior parte si tratta di una scelta obbligata, ma è in aumento anche la tendenza di concedersi un periodo di relax “fuori stagione”. D’altronde, rimanere in città ad agosto non sempre è un’esperienza spiacevole, basti pensare, ad esempio, al fatto che si può godere la città senza l’incubo del traffico e per chi è abituato a percorrere 10 km in più di un’ora può già essere una vittoria. Per chi ha bambini TestMagazine ha già affrontato il tema con le istruzioni per l’uso, ora è la volta degli adulti che potranno trovare qualche consiglio e diverse indicazioni per superare anche i piccoli ostacoli della calura cittadina.

FRESCO A CASA, ECCO COME

L’aria condizionata è il rimedio più efficace contro il caldo quando si è a casa: ma va usata con attenzione perché, oltre a succhiare energia e a far lievitare la nostra bolletta, un uso smodato può anche avere ripercussioni sulla salute. Dunque, accendete l’impianto solo nelle ore più calde e spegnetelo se uscite di casa. Ricordatevi di chiudere le finestre, per mantenere il fresco in casa, e non impostatelo a più di 6 gradi al di sotto della temperatura esterna (la temperatura ideale in casa, secondo il Ministero della Salute, è di 24-25 °C, anche se si usa il condizionatore). Poi, non sottovalutiamo piccoli accorgimenti tipo: abbassare le tapparelle o chiudere le persiane nelle ore più calde del giorno, in modo da creare ombra e riparare la casa dai raggi solari oppure limitare l’uso degli elettrodomestici che emanano calore (phon, asciugatrice, anche il piano cottura).

CHI PENSA AGLI ANZIANI?

Gli over 65 sono certamente coloro che hanno bisogno di maggiori cure e attenzione durante tutto l’anno ma, in modo particolare d’estate quando la solitudine prende il sopravvento più facilmente. L’Auser, come ogni anno, mette a disposizione il servizio di telefonia sociale e aiuto alla persona Filo d’Argento raggiungibile attraverso il numero verde nazionale gratuito 800-995988, attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20. Il “piano estate” messo a punto dall’Auser prevede una risposta articolata e diversificata che viene incontro alle esigenze degli anziani con un aiuto concreto, di compagnia e socializzazione, di informazione e prevenzione.

FARMACI A DOMICILIO

Per gli anziani – e non solo – che non riescono a recarsi in farmacia, Federfarma ha attivato il servizio di consegna gratuita dei farmaci a domicilio. Per accedere al servizio basta chiamare il numero verde 800 189 521, attivo nei giorni feriali dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 18.00. Risponderà un operatore al quale si dovrà indicare le generalità e l’indirizzo al quale recapitare il farmaco.

Successivamente l’operatore verificherà quali farmacie vicine al domicilio indicato sono disponibili ad effettuare il servizio. Il servizio è offerto dalle farmacie associate a Federfarma che hanno aderito all’iniziativa, alla quale non partecipano le farmacie comunali. Al momento il servizio non è attivo nelle Province di Cuneo e Genova.

CERCHI UN ARTIGIANO?

L’idraulico, l’elettricista o il meccanico di fiducia sono in ferie o non sono rintracciabili. E improvvisamente l’automobile si blocca, oppure il bagno si allaga, il frigorifero va in tilt. Che fare? Numerose Associazioni provinciali di Confartigianato aderiscono al progetto “Aperti per ferie”: basta cliccare sul sito Internet delle Associazioni di Confartigianato per trovare elettricisti, panettieri, calzolai, odontotecnici, ecc. In generale, però, mai abbassare la guardia contro le truffe. Per evitare il rischio di cadere nelle mani di operatori ‘improvvisati’ ed esosi, Confartigianato consiglia alcune regole di comportamento.

Innanzitutto, i cittadini possono ottenere informazioni rivolgendosi alle Associazioni artigiane provinciali o alle Camere di Commercio che dispongono degli elenchi delle aziende e, in molti casi, del listino dei prezzi e delle tariffe medie. Va ricordato che i veri imprenditori artigiani sono soltanto quelli regolarmente iscritti all’Albo delle imprese artigiane presso le Camere di Commercio e in possesso di partita Iva.

Una volta individuata la ditta, la regola fondamentale consiste nel chiedere tempi e modalità precisi dell’intervento e, dopo il sopralluogo, pretendere il preventivo. Meglio abbandonare subito gli operatori che inventano vaghi pretesti per rifiutarsi di fare una stima delle riparazioni.

Altra cosa da sapere: attenzione ai ‘supplementi’ e ai sovrapprezzi ingiustificati. Le voci di spesa ammissibili, oltre al costo di manodopera e a quello dei ricambi, riguardano il diritto fisso di chiamata, la maggiorazione per il lavoro straordinario, notturno e festivo, le operazioni di smontaggio, ritiro, riconsegna e rimontaggio dei grandi elettrodomestici che non è possibile riparare a domicilio. In genere, il diritto di chiamata comprende: il tempo per il trasferimento a domicilio, le spese organizzative, le spese per l’automezzo.

Se si decide di accettare il preventivo, l’imprenditore, una volta eseguita la riparazione, deve rilasciare la fattura o la ricevuta fiscale in cui siano indicati e motivati nel dettaglio tutti i costi.

E’ altrettanto indispensabile, nei casi di impianti elettrici e termoidraulici, farsi rilasciare la dichiarazione di conformità, prevista dalla legge 46/90, che attesta, oltre all’avvenuta installazione e manutenzione ‘a regola d’arte’, il numero della partita Iva e di iscrizione alla Camera di Commercio. Questo documento è la ‘carta d’identità’ del vero artigiano e costituisce garanzia di correttezza professionale, qualità e sicurezza. Molti incidenti domestici sono, infatti, provocati dall’incompetenza di operatori abusivi che non rispettano i requisiti tecnico-professionali previsti dalla legge a tutela dei consumatori.

CHE FAI STASERA?

Chi l’ha detto che d’estate in città non ci sono cose interessanti da fare o vedere? Oramai nelle grandi città, ma non solo, è un fiorire di iniziative culturale e di svago. E tenerle tutte sotto mano è davvero facile. Ci pensano – con successo – tre applicazioni: musement, wher’s up? e yoogoin. Musement è la piattaforma online che seleziona le migliori cose da fare in tutto il mondo con opzioni per tutte le tasche: dalle escursioni per piccoli gruppi con guide private, agli ingressi ai musei e alle mostre senza fare la fila, oltre a molte altre esperienze indimenticabili. Where’s up?, invece, geolocalizza l’utente e suggerisce cosa fare attorno a dove ci si trova: un ottimo modo per scoprire e localizzare fiere, aperitivi o concerti. A Yoogoin, infine, si accede attraverso il proprio profilo Facebook: questo consente all’applicazione di filtrare gli eventi, non solo vicini geograficamente all’utente, ma anche affini ai suoi gusti.

Previous post

StopGlifosato, l'Italia vieti il pesticida cancerogeno

Next post

Tatuaggi temporanei e danni permanenti

The Author

Valentina Corvino

Valentina Corvino