News

Pesce fresco, dal mare alle corsie d’ospedale

Arriva fresco il pesce dell’Adriatico nelle mense dell’ospedale di Macerata, Chiaravalle (AN), nei ricoveri per anziani di Trieste, Urbino e Jesi (An).

Duemila ricoverati delle strutture pubbliche che hanno aderito al Progetto sperimentale finanziato dal ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali proposto in tutta Italia, troveranno nella dieta orate e spigole fresche di acquacoltura marina a filiera controllata arrivate in poche ora pulite e diliscate.

Una novità dal buon sapore perché nella ristorazione delle strutture sanitarie si impiega principalmente limanda, platessa, pangasio, pesce di poco valore, surgelato e di provenienza estera. La sanità pubblica ha numeri in rosso, l’obiettivo è dunque mettere a punto un modello produttivo sostenibile, replicabile sull’intero territorio nazionale per dare maggior importanza al benessere della persona, ai benefici nutrizionali degli omega 3 per anziani e malati.

Tutte le fasi della filiera vengono analizzate e valutate sotto il profilo tecnico gestionale per promuovere l’economia locale e tutelare la biodiversità e l’ambiente marino. Per monitorare i risultati e contenere lo spreco, dopo il pasto viene proposto ai pazienti un questionario e vengono pesati gli scarti rimasti nel piatto.

Previous post

Come rendere la vita difficile ai topi d'appartamento

Next post

Energia, il miglior call center? Quello di Enel

The Author

Luana Spernanzoni

Luana Spernanzoni