News

Telemarketing, italiani stanchi delle telefonate moleste

Gli operatori dei call center non risparmiano quasi nessuno: secondo uno studio, infatti, 9 italiani su 10 si sono sentiti proporre al telefono almeno una volta negli ultimi tre mesi offerte commerciali legate al cambio gestore per i servizi di energia, telecomunicazione o internet.

Ma la ricerca – condotta da Human Highway per Pricewise, compagnia olandese che offre uno dei più importanti servizi di “energy switching” in Europa – ha avuto un esito sorprendente: oltre il 70% dei potenziali clienti contattati interrompe immediatamente la conversazione.

Insomma, tempestare di telefonate i cittadini non paga più. E se qualcuno è interessato a cambiare gestore, segue altre strade per informarsi e scegliere l’offerta che ritiene migliore per le proprie esigenze.

La ricerca infatti, se da un lato conferma che le famiglie italiane sono sempre più attente al risparmio in bolletta e sono disposte a cambiare operatore, dall’altro evidenzia come siano cambiate le modalità per effettuare la scelta del nuovo fornitore: non vogliono più ricevere informazioni e stipulare contratti attraverso il telemarketing, ma preferiscono di gran lunga utilizzare il web (il 63,5 % degli intervistati) e i gruppi d’acquisto.
Agenti di commercio e pubblicità tradizionale catturano invece il 32,5%.

 

Telemarketing aggressivo e truffe sempre in agguato

La ricerca fotografa, probabilmente, le conseguenze di anni di “molestie” telefoniche, di operatori insistenti e persino aggressivi, e di vere e proprie truffe perpetrate ai danni di consumatori. Raggiri che sempre più spesso approdano nelle aule dei tribunali con condanna delle aziende che il giudice riconosce responsabili – direttamente o tramite società partner – delle attivazioni di servizi non richiesti.
Ultima in termini di tempo, la condanna al risarcimento del danno inflitta dal Tribunale di Benevento a Enel Energia, rea di aver apposto una firma falsa sul contratto energetico di un cittadino. Enel certo si rivarrà sulle agenzie incaricate alla stipula dei contratti, ma intanto la condanna è d’esempio per tutti i soggetti che operano nel settore.

 

Lo speciale nel prossimo numero in edicola

Alla questione del “telemarketing selvaggio”, il Test Salvagente n. 2 del mese di febbraio (in edicola dal 23 gennaio) dedica un lungo speciale, con una panoramica dei diritti del consumatore e degli obblighi delle aziende per una corretta stipula dei contratti di fornitura di servizi.

Previous post

McDonald's, la denuncia: panino più caro nei franchising

Next post

Dieselgate, il Tribunale di Venezia respinge class action

The Author

carla tropia

carla tropia